Messaggio
 

Archivio Ebraico Terracini

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Patrimonio

I concorsi letterari

Indice
I concorsi letterari
Il concorso letterario del 1952
Il concorso letterario del 1947 - Testi e giudizi

Il concorso letterario del 1947 - Il bando

A pochi giorni dalla morte del marchese De Levy il Consiglio di Amministrazione della Fondazione bandì un concorso letterario per la pubblicazione di un libro «che riassuma nelle dovute proporzioni gli studi su Cause ed effetti dell’antisemitismo».

Come si legge nel manifesto che pubblicizzava il concorso, il termine di consegna era il 31 dicembre del 1947 e il premio per il primo classificato era di 100.000 lire.

soffitto
Immagine: Soffitto della sinagoga di Saluzzo


In archivio si conserva il regolamento del concorso, in copia dattiloscritta, da cui, tra le altre cose, appare che il termine di consegna era stato spostato in avanti di sei mesi, a metà 1948.

«Oggetto della trattazione dev’essere l’analisi particolareggiata delle varie cause dell’Antisemitismo (etniche, sociali, religiose, economiche, ecc.) e dei riflessi, reazioni ed effetti che l’antisemitismo produce sia sugli Ebrei che presso i popoli in mezzo ai quali essi vivono.
Il volume, di facile lettura, deve essere scritto o tradotto in lingua italiana.
La parte puramente storica del fenomeno dovrà essere contenuta nei limiti strettamente necessari alla dimostrazione delle tesi sostenute nel libro, il quale complessivamente non supererà le 300 pagine in 16° corpo 8. […]
Essi saranno giudicati da una commissione di 5 membri di cui saranno resi i nomi con prossima comunicazione.
La Commissione a suo giudizio insindacabile assegnerà al lavoro che riterrà degno della pubblicazione un premio di L. 100.000 (centomila). Ai manoscritti più meritevoli saranno assegnati un secondo e un terzo premio rispettivamente di lire 30.000 e 20.000.
La Commissione potrà non assegnare tutti o alcuni premi qualora i lavori presentati non rispondano ai principali requisiti indicati nel Bando; i manoscritti saranno restituiti a richiesta.
Il miglior lavoro sarà pubblicato appena possibile […]».